Vetrate Panoramiche Amovibili: dossier VePa

Le Vetrate Panoramiche Amovibili (VePa) rappresentano una soluzione architettonica esteticamente gradevole e non invasiva. Trasformano temporaneamente balconi e terrazzi in verande. Dal 22 Settembre scorso sono state liberalizzate e classificate come interventi di edilizia libera. Vediamone assieme i vantaggi per conseguire il risparmio energetico e come quantificarli nel bilancio globale dell’edificio.

Vetrate Panoramiche Amovibili
Vetrate Panoramiche Amovibili

Le Vetrate Panoramiche Amovibili rientrano nell’edilizia libera

La L. 21 Settembre 2022 n. 142 ha convertito il Decreto Aiuti-bis (D.L. 9 Agosto 2022 n. 115) ampliandone gli interventi ascrivibili all’edilizia libera (ex D.P.R. n. 380/2001, Art. 6, C. 1).

Le VePa – le Vetrate Panoramiche Amovibili e totalmente trasparenti – sono state quindi inserite nelle pratiche liberalizzate. Pertanto, a partire dal 22 Settembre 2022, esse saranno installabili senza alcuna comunicazione all’ente territoriale comunale e senza dover richiedere alcun titolo abilitativo (S.C.I.A. o C.I.L.A.).

l’Art. 33-quater del Decreto Aiuti-bis

L’Art. 33-quater del Decreto Aiuti-bis ha infatti disposto la modifica dell’Art. 6, C. 1, Lett. b), del T.U.E. (D.P.R. n. 380/2001), con l’inserimento della Lett. b-bis) così formulata:

“gli interventi di realizzazione e installazione di vetrate panoramiche amovibili e totalmente trasparenti, cosiddette VePa, dirette ad assolvere a funzioni temporanee di protezione dagli agenti atmosferici, miglioramento delle prestazioni acustiche ed energetiche, riduzione delle dispersioni termiche, parziale impermeabilizzazione dalle acque meteoriche dei balconi aggettanti dal corpo dell’edificio o di logge rientranti all’interno dell’edifici, purché tali elementi non configurino spazi stabilmente chiusi con conseguente variazione di volumi e di superfici, come definiti dal regolamento edilizio-tipo, che possano generare nuova volumetria o comportare il mutamento della destinazione d’uso dell’immobile anche da superficie accessoria a superficie utile.

Tali strutture devono favorire una naturale microaerazione che consenta la circolazione di un costante flusso di arieggiamento a garanzia della salubrità dei vani interni domestici ed avere caratteristiche tecnico-costruttive e profilo estetico tali da ridurre al minimo l’impatto visivo e l’ingombro apparente e da non modificare le preesistenti linee architettoniche”.

Vetrate Panoramiche Amovibili: la normativa urbanistica e sismica

Pur ricadendo nell’edilizia libera resta comunque in vigore la clausola del sopracitato Art. 6 del D.P.R. 380/01 che recita:

“Fatte salve le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali, e comunque nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica, di tutela dal rischio idrogeologico, nonché delle disposizioni contenute” nel D.Lgs 42/04”.

Quindi le Amministrazioni, tramite il proprio strumento urbanistico, potranno introdurre alcune limitazioni alle VePa, a tutela di specifici casi di immobili pregiati. Infatti l’installazione delle VePa dovrà essere autorizzata qualora l’immobile sia vincolato ex D.Lgs. 42/04.

Dovrà esserne valutata anche la rilevanza sismica, nel caso in cui l’altezza delle vetrate dovesse essere elevata.
Purtroppo non ci è ancora dato sapere – perché non è stato chiarito nè specificato – cosa si intenda per elevata.

Cosa sono le vetrate panoramiche amovibili?

Secondo l’Associazione Italiana Vetrate Panoramiche a Risparmio Energetico (ASSVePa), le Vetrate Panoramiche Amovibili sono:

un sistema di chiusure trasparenti per la riduzione delle dispersioni termiche e il risparmio energetico, per la protezione, messa in sicurezza e fruizione di verande e balconi inutilizzati, dirette ad assolvere funzioni di schermatura, ombreggiatura, di parziale coibentazione termica, miglioramento delle prestazioni energetiche o di parziale impermeabilizzazione delle acque meteoriche dei balconi aggettanti dal corpo dell’edificio o di logge rientranti all’interno dell’edifico, purché non configurino spazi stabilmente chiusi con conseguente creazione di volumi e/o di superfici, come definiti dal Regolamento Edilizio Tipo, che possano comportare il mutamento della destinazione d’uso dell’immobile anche da superficie accessoria a superficie utile“.

Progetta edifici sostenibili ed efficienti

Una definizione che ci fornisce diversi spunti su cui riflettere.

Vetrate Panoramiche Amovibili: le caratteristiche necessarie

Le VePa sono costituite da pannelli vetrati trasparenti e si distinguono principalmente dai serramenti tradizionali per l’assenza di infissi e cornici. Sono dei segmenti scorrevoli, incernierati alle sommità, che possono essere aperti/chiusi “a pacchetto” (a fisarmonica), così da potersi ripiegare in modo compatto.

Il Legislatore ha però posto l’accento su alcune caratteristiche che forniscono un quadro preciso e circostanziato del tipo di vetrate di cui stiamo parlando.

Devono essere: opere amovibili (che non modifichino permanentemente il prospetto dell’edificio) e trasparenti (che non comportino un rilevante impatto visivo). Devono soddisfare funzioni temporanee (ossia che possano aprirsi e chiudersi) e senza cagionare un aumento di volumetria o un cambio di destinazione d’uso dei locali.

Attenzione alla lista dei requisiti!

Sulla stregua delle caratteristiche sopra enunciate, la misura di semplificazione è quindi riservata solo agli interventi di realizzazione ed installazione di VePa che presentino tutti questi requisiti:

  • A. siano amovibili e totalmente trasparenti;
  • B. siano dirette ad assolvere a funzioni temporanee di:
    (i) protezione dagli agenti atmosferici,
    (ii) miglioramento delle prestazioni acustiche ed energetiche,
    (iii) riduzione delle dispersioni termiche,
    (iv) parziale impermeabilizzazione dalle acque meteoriche dei balconi aggettanti dal corpo dell’edificio o di   logge rientranti all’interno dell’edificio;
  • C. non configurino spazi stabilmente chiusi con conseguente variazione di volumi e di superfici, come definiti dal regolamento edilizio-tipo. Non devono generare nuova volumetria o comportare il mutamento della destinazione d’uso dell’immobile anche da superficie accessoria a superficie utile;
  • D. favoriscano una naturale microaerazione. Deve consentire la circolazione di un costante flusso di arieggiamento a garanzia della salubrità dei vani interni domestici;
  • E. abbiano caratteristiche tecnico-costruttive e profilo estetico tali da ridurre al minimo l’impatto visivo e l’ingombro apparente. Non devono modificare le preesistenti linee architettoniche.

I vantaggi delle Vetrate Panoramiche Amovibili

Appartengono quindi alla categoria delle VePa anche le serre bioclimatiche: sistemi passivi per la riduzione delle dispersioni termiche ed il conseguimento del risparmio energetico.

Le serre bioclimatiche sono volumi tecnici appartenenti alla cosiddetta architettura solare, ossia quella branca dell’edilizia efficiente che sfrutta gli apporti endogeni solari gratuiti ai fini bioclimatici, cioè come fonte di energia per illuminare e riscaldare, senza aumentare i consumi energetici dell’edificio.

Possiamo quindi affermare che l’installazione delle VePa produce i seguenti vantaggi:

  • costituiscono una protezione temporanea dagli agenti atmosferici (vento, pioggia, freddo);
  • migliorano l’isolamento acustico dai rumori esterni;
  • migliorano le prestazione energetiche, riducendo le dispersioni termiche e fornendo apporti endogeni gratuiti (calore);
  • costituiscono una schermatura ed impermeabilizzazione, pur parziale, dalle precipitazioni meteoriche che potrebbero entrare in casa;
  • favoriscono la micro-aerazione, cioè consentono la circolazione di un costante flusso di aria, migliorando la salubrità dei locali interni;
  • migliorano, pur parzialmente, la sicurezza dell’edificio, poiché confinano gli ambienti di balconi e terrazzi per i bambini e costituiscono un ulteriore ostacolo per eventuali intrusi.

Vetrate Panoramiche Amovibili: i punti da chiarire

Il legislatore ammette solamente il tamponamento di logge e balconi, (p.ti 35 e 37 del quadro nazionale delle definizioni uniformi). Usando un criterio di interpretazione assolutamente letterale della Legge, la chiusura di tettoie, portici e terrazze al P.T. degli edifici non può quindi dirsi analogamente liberalizzata.
Sarebbe bello capire se fossero ammessi eventuali casi in cui poter procedere comunque anche al piano terra (magari sotto la proiezione di balconi in cortile o in aree non destinate al passaggio o sulla pubblica via).

E’ altrettanto dubbio se, oltre al tamponamento verticale, sia ammesso anche quello orizzontale. Un caso non così raro, visto che molti balconi nell’ultimo piano, potrebbero avere la necessità di realizzare anche una piccola copertura vetrata protettiva della faccia superiore (tettoia) del proprio balcone.

Infine l’aggettivo domestici lascia presupporre che le VePa possano essere collocate unicamente su U.I. a destinazione residenziale. Ma tanti condomini oggi sono costituiti sia da unità destinate alla residenza, sia da unità destinate ad uso ufficio (artigianale, commerciale o direzionale).

Le serre solari già dal 2013 in TERMOLOG

Logical Soft ha sempre avuto una particolare attenzione alle tematiche del risparmio energetico, della sostenibilità in edilizia e della progettazione bioclimatica. Già a Maggio 2013 comparve a catalogo nell’allora TERMOLOG EpiX 5 il modulo “serre solari”, in cui si potevano dimensionare e valutare i guadagni energetici ottenuti mediante l’utilizzo delle serre bioclimatiche ed analizzare soluzioni tecnologiche avanzate di tipo passivo, come le pareti solari ventilate e gli elementi opachi con isolamento trasparente.

Per la progettazione delle Vetrate Panoramiche Amovibili

Oggi la progettazione degli NZEB è diventata prassi (nonché obbligo di Legge) non è più necessario avere un modulo dedicato per questo tipo di soluzioni. Tutti i moduli di TERMOLOG dotati del motore di calcolo (Progettista, Certificatore, Diagnosi) si possono modellare le ZNR in modo analitico, impostandole come serre solari.
Nella relazione di riepilogo prodotta compariranno quindi, in riferimento alle serre solari, tutti i parametri energetici delle stesse. Questo ci consentirà di valutare correttamente i reali vantaggi forniti al sistema edificio dall’installazione delle VePa.

Fabrizio Dellacha'
Fabrizio Dellachà

Ingegnere Edile/Architetto, laureatomi presso l’Università degli Studi di Pavia.
Svolgo l’attività di libero professionista, sono CTU presso il foro Alessandrino e mi dedico alle tematiche energetiche, all’impiantistica, alle fonti rinnovabili ed alla sostenibilità in edilizia.
Leggi il profilo completo