Da ENEA la App per il Terzo Settore

SERVICE4Impact è la nuova App di ENEA che misura le criticità energetico-strutturali degli edifici del terzo settore.

Dal progetto europeo SER la App ENEA Service4Impact per il terzo settore

L’applicazione nasce da un’iniziativa dell’Agenzia per l’Efficienza Energetica e dal Laboratorio ingegneria sismica e prevenzione di rischi naturali di ENEA ed è realizzata nell’ambito del progetto SER.

SERVICE4Impact è la nuova App di ENEA in grado di misurare le criticità energetico-strutturali degli edifici del terzo settore.
SERVICE4Impact è la nuova App di ENEA in grado di misurare le criticità energetico-strutturali degli edifici del terzo settore.

Tale progetto fa parte del programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea secondo l’accordo n. 101024254.

Qual è l’obiettivo del progetto SER (acronimo di Social Energy Renovations)?

L’obiettivo di SER è di definire ed implementare un innovativo strumento di finanziamento che consenta agli Enti del Terzo Settore di realizzare ristrutturazioni sostenibili dei propri immobili e ai finanziatori di effettuare investimenti allineati con i criteri ESG e ad alto impatto in termini di valore sociale.

Il Terzo Settore ha un ruolo importante nel welfare pubblico. È infatti alimentato da molta forza lavoro e numerose associazioni ed enti no profit. I soggetti che appartengono al terzo settore sono enti privati che agiscono senza scopo di lucro e con fini solidali, civici o di utilità sociale in ambiti e attività definiti dalla legge.

App Service4Impact: a chi si rivolge

Il contributo di ENEA per il terzo settore in questo ambizioso progetto passa anche da un App: SERVICE4Impact.

L’app SERVICE4Impact, progettata con Fratello Sole, è uno strumento di facile utilizzo a disposizione dei tecnici e, in particolare, dei responsabili delle diagnosi energetiche del patrimonio edilizio del terzo settore.

Cosa ti serve per la diagnosi energetica degli edifici con le Linee Guida ENEA?

La App di ENEA per il terzo settore fornisce già nella fase di valutazione preliminare degli edifici i parametri di scelta per capire:

  • dove approfondire le indagini
  • e quindi su quali edifici scegliere di intervenire per la riqualificazione.

Service4Impact funziona su smartphone e tablet Android e Apple.

Si può scaricare da Google Play e Apple store .

Quali incentivi per l’edilizia e il Terzo Settore?

Ma partiamo con ordine. Sappiamo che riqualificare l’edilizia esistente è un obiettivo necessario. Pensiamo, ad esempio, all’ambizioso programma della transizione ecologica collegato ai fondi PNRR. Se applicato agli edifici del Terzo Settore diventa anche socialmente utile.

Cosa significa intervenire oggi su un edificio esistente del Terzo Settore? Significa riqualificare sul piano energetico e/o strutturale e potenzialmente beneficiare delle agevolazioni di Ecobonus e Sismabonus. Talvolta perfino Superbonus.

Il patrimonio edilizio italiano è vetusto e presenta quei problemi tipici di edifici non concepiti per soddisfare specifiche performance energetiche o strutturali. Il futuro del mercato immobiliare non può pertanto prescindere da un necessario recupero e miglioramento di questo patrimonio.

In questa direzione si muovono gli incentivi introdotti finora, in particolare Ecobonus e Sismabonus. Il sistema incentivante è ricco di opportunità. Annovera infatti detrazioni fiscali che promuovono il ‘mettere mano’ al patrimonio esistente. Inoltre, tale sistema premia gli interventi in modo incrementale, vale a dire in relazione alle migliori prestazioni energetiche o strutturali che l’edificio raggiunge grazie all’intervento.

Le regole di accesso agli incentivi sono quelle degli articoli 14 e 16 del DL 63/2013.

Come ristrutturare con il Sismabonus in modo semplice e affidabile?

Superbonus e Terzo Settore

Alle opportunità precedentemente indicate (Ecobonus e Sismabonus) si aggiungono quelle del Superbonus. Gli enti del terzo settore possono infatti accedere al Superbonus in virtù della lettera d-bis) del comma 9 dell’art. 119 del D.L. 34/2020 “Decreto Rilancio”.

“d-bis) dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, dalle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui all’articolo 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266, e dalle associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale e nei registri regionali e delle province autonome di Trento e di Bolzano previsti dall’articolo 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383;”

comma 9, art. 119 L.77/2020

Massimali Superbonus per interventi su edifici terzo settore

In merito alle somme massime ammissibili, per il Superbonus 110% si può applicare anche il comma 10-bis dell’art. 119 del decreto rilancio che prevede:

“Il limite di spesa ammesso alle detrazioni di cui al presente articolo, previsto per le singole unita’ immobiliari, e’ moltiplicato per il rapporto tra la superficie complessiva dell’immobile oggetto degli interventi di incremento dell’efficienza energetica, di miglioramento o di adeguamento antisismico previsti ai commi 1, 2, 3, 3-bis, 4, 4-bis, 5, 6, 7 e 8, e la superficie media di una unita’ abitativa immobiliare, come ricavabile dal Rapporto Immobiliare pubblicato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate ai sensi dell’articolo 120-sexiesdecies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, per i soggetti di cui al comma 9, lettera d-bis), che siano in possesso dei seguenti requisiti:

a) svolgano attivita’ di prestazione di servizi socio-sanitari e assistenziali, e i cui membri del Consiglio di Amministrazione non percepiscano alcun compenso o indennita’ di carica;
b) siano in possesso di immobili rientranti nelle categorie catastali B/1, B/2 e D/4, a titolo di proprieta’, nuda proprieta’, usufrutto o comodato d’uso gratuito. Il titolo di comodato d’uso gratuito e’ idoneo all’accesso alle detrazioni di cui al presente articolo, a condizione che il contratto sia regolarmente registrato in data certa anteriore alla data di entrata in vigore della presente disposizione.”

comma 10-bis, art. 119 L.77/2020

In questo articolo facciamo il punto su Superbonus e Terzo Settore.

L’App di ENEA per il Terzo Settore

Finora abbiamo fatto un quadro generale del Terzo settore e degli incentivi per riqualificarne gli immobili.

Veniamo ora agli strumenti a disposizione dei tecnici. Qui entra in gioco la App che ENEA ha sviluppato per il terzo settore. SERVICE4Impact è uno strumento con una duplice finalità: guidare gli utenti nel rilievo energetico ma anche in quello strutturale dell’edificio analizzandone le criticità.

L’applicativo rileva i consumi reali dell’edificio e determina un indicatore di prestazione energetica normalizzata valido sia per i consumi riscaldamento e sia per l’energia elettrica.

SERVICE4Impact è la nuova App di ENEA in grado di misurare le criticità energetico-strutturali degli edifici del terzo settore.

La suddivisione delle informazioni nella App ENEA per il terzo settore

Le informazioni che la App Service4Impact raccoglie si suddividono in tre sezioni distinte:

  1. dati generali: ad esempio l’ubicazione dell’edificio, la tipologia edilizia, lo stato di manutenzione degli impianti;
  2. indagine strutturale per definire le principali caratteristiche dell’edificio e dell’area dove è situato;
  3. indagine energetica per definire le principali caratteristiche energetiche dell’edificio, degli impianti e dei servizi.

All’interno di queste sezioni sono presenti tutti i vari aspetti da rilevare. Per un più facile utilizzo li troviamo raggruppati in forma grafica a mezzo di icone e per tipologia di dato da inserire. Compiliamo quindi i dati richiesti nelle diverse sezioni dell’applicativo e otteniamo i seguenti risultati finali.

  • Il report del rilievo eseguito in formato editabile (completo di foto e riferimenti ad elaborati progettuali analizzati in fase di sopralluogo).
  • Un indicatore di prestazione energetica normalizzata sia per i consumi per riscaldamento e sia per l’energia elettrica.
  • Il Livello di Intervento ed il Livello di Priorità: si evidenziano quindi le situazioni critiche dal punto di vista strutturale per valutare con che priorità intervenire.
  • Una relazione in formato .DOCX che contiene tutti i dati del rilievo effettuato; per visualizzare la relazione di rilievo è necessario che sul dispositivo sia installato un visualizzatore di Files DOCX.
  • Un file in formato .CSV contenente tutte le informazioni inserite dal tecnico. Grazie a questo file ENEA creerà una piattaforma informatica di pianificazione strategica per l’attuazione di interventi di sicurezza e di riqualificazione energetica per gli edifici del Terzo Settore.

I report della App ENEA per il Terzo Settore

Veniamo ora alle informazioni raccolte dai report di Service4Impact.

I report consistono nella relazione e nel file di interscambio. Essi riproducono le schede compilate con i dati inseriti dal responsabile della diagnosi. Inoltre contengono sia le informazioni strutturali che quelle energetiche dell’edificio. Infine, identificano quali interventi di efficientamento energetico si rendono necessari.

Da notare che SERVICE4Impact non si limita ad indicare le possibili e sostenibili soluzioni di retrofit tecnologico sugli edifici esistenti secondo le normative vigenti. La App infatti fornirà, in un unico progetto di recupero dell’esistente, anche indicazioni su come impostare il successivo progetto strutturale. Le indicazioni naturalmente dipenderanno dalle diverse pericolosità territoriali, ambientali e climatiche.

Valutazione preliminare e diagnosi energetico-strutturale

Le valutazioni e i risultati di SERVICE4Impact riguardano quindi anzitutto la fase preliminare, vale a dire l’impostazione della diagnosi energetico-strutturale.

La relazione di rilievo individua in via preliminare gli interventi energetici. ENEA l’ha concepita sul modello delle Linee Guida per la Diagnosi Energetica: un modo per rendere più efficiente il lavoro del professionista.

Le valutazioni fatte con SERVICE4Impact sono quindi un tassello importantissimo nella pianificazione degli investimenti su più edifici. Aiuteranno a individuare gli edifici che richiedono una analisi approfondita o una rapida messa in sicurezza.

Sulla base di queste considerazioni si procede quindi con la diagnosi energetica e la valutazione di vulnerabilità strutturale. È in questa fase che si analizza lo stato di salute degli immobili oggetto dei futuri interventi di riqualificazione edilizia.

Lo sviluppo della App SERVICE4Impact è stata affidata a Logical Soft, software house italiana con una lunga esperienza nello sviluppo di software tecnico e applicazioni dedicate all’edilizia.

Logical Soft vanta già una notevole esperienza nello sviluppo di strumenti per la riqualificazione dell’edilizia. Citiamo ad esempio Safeschool4.0 un altro applicativo ENEA dedicato alle scuole. Ma più nello specifico Logical Soft mette a disposizione dei professionisti i migliori software per l’analisi energetica e strutturale come TERMOLOG e TRAVILOG.

Come ristrutturare con il Super Ecobonus in modo semplice e affidabile?
simone_tirinato 150x150
Simone Tirinato

Ingegnere civile dedicato al calcolo strutturale, svolge l’attività di analista strutturale per lo sviluppo di codici di calcolo strutturali.
Leggi il profilo completo