Rapporto Annuale Certificazione Energetica 2021

Presentata la seconda edizione del Rapporto Annuale sulla Certificazione Energetica degli Edifici. Il documento, molto utile, è il risultato della collaborazione tra ENEA e CTI. Analizza le prestazioni energetiche del parco immobiliare italiano all’anno 2020.

Rapporto Annuale sulla Certificazione Energetica degli Edifici: 1 milione di APE analizzati!

rapporto annuale enea certificazione energetica
Pronto il Rapporto Annuale 2021 sulla Certificazione Energetica degli edifici a cura di ENEA e CTI

La collaborazione tra l’ENEA ed il Comitato Termotecnico Italiano (CTI) ha dato origine a questo studio interessantissimo, che analizza gli APE emessi annualmente a partire dal 2019. Questa seconda edizione si riferisce quindi al 2020 ed ha preso in considerazione un numero di Attestati di Prestazione Energetica veramente rilevante. Parliamo di ben un milione di APE analizzati.

CERTIFICAZIONE ENERGETICA IN TUTTA ITALIA?

Più APE caricati rispetto al 2019.

Il primo dato interessante su cui vale la pena soffermarsi è di tipo quantitativo, poiché si rileva un incremento ponderale rispetto al 2019. Gli APE registrati sui catasti energetici regionali ammontano infatti a circa 950.000. Nel 2019 erano 540.000. Ciò ha permesso di effettuare indagini più approfondite dei risultati, avendo una base dati di maggior rilevanza statistica.

In seconda istanza si registra un numero molto maggiore di certificazioni rispetto all’annata precedente. Questo significa anche che il mercato immobiliare nel 2020 è stato molto più attivo e vivace del 2019. Da notare che in questi dati sono inclusi sia la compravendita, sia la locazione, sia le ristrutturazioni edilizie.

Più efficienza ma solo nel residenziale.

Relativamente al settore residenziale va denotata una positiva diminuzione degli APE con classi energetiche più basse, (del -1,2% rispetto al 2019) in favore di attestati consolidati sui catasti energetici con classi energetiche globalmente più alte. Questo attesta un lento ma inesorabile retrofit del parco edifici nazionale. Si presume inoltre che subirà un balzo notevole a seguito delle attuali misure incentivanti in vigore. Staremo a vedere.

Per il settore non residenziale purtroppo, crescono invece del 3,5% gli APE con classi energetiche meno efficienti.

Rapporto Annuale sulla Certificazione Energetica degli Edifici: le ragioni di invio degli APE.

Dal rapporto 2020 di ENEA e CTI emerge che:

  • circa l’85% degli APE analizzati riguarda i cosiddetti “trasferimenti a titolo oneroso”, ossia vendite ed affitti;
  • poco più del 3% si riferisce ad edifici di nuova costruzione;
  • il 3,8% riguarda interventi di riqualificazione energetica.

Per chi fosse interessato a scaricare il report completo per consultarlo approfonditamente, il link alla pagina di ENEA è qui.
Per chi volesse invece consultare i rapporti ENEA 2021 sull’Efficienza Energetica e le Detrazioni Fiscali, può leggerli qui.

CERTIFICAZIONE ENERGETICA IN TUTTA ITALIA?
Fabrizio Dellacha'
Fabrizio Dellachà

Ingegnere Edile/Architetto, laureatomi presso l’Università degli Studi di Pavia.
Svolgo l’attività di libero professionista, sono CTU presso il foro Alessandrino e mi dedico alle tematiche energetiche, all’impiantistica, alle fonti rinnovabili ed alla sostenibilità in edilizia.
Leggi il profilo completo