FAQ 002 - Noto nel 3D che i pavimenti intersecano le pareti, è corretto? 
Normalmente quando si esegue una certificazione energetica, o più in generale un modello per il calcolo termico, si utilizza il filo di riferimento delle strutture Esterno, il che significa che si utilizzano le dimensioni degli elementi lorde. 
Questo implica che per valutare correttamente la geometria del pavimento e della parete debba essere considerata due volte la "striscia" di sovrapposizione tra muro e pavimento. La parete infatti ha origine dalla quota più bassa del pavimento (o dalla mezzeria se si tratta di un pavimento intermedio) proprio perchè la sua altezza deve essere considerata lorda. 
Quando si inseriscono le aperture quindi, per avere una corretta proiezione degli ombreggiamenti e  una rappresentazione grafica coerente, deve essere indicata una quota da terra comprensiva dello spessore di pavimento. 
A seconda del verso di dispersione verrà sommato all’altezza netta della parete l’intero spessore o metà dello spessore della soletta. Di seguito la corrispondenza tra verso di dispersione e spessore utilizzato.
Esterno: intero spessore
Terreno: intero spessore
Zona non riscaldata: intero spessore
Appartamento riscaldato da altro impianti: metà dello spessore
Appartamento riscaldato da stesso impianto: metà dello spessore
Locale interno alla zona: metà dello spessore

compenetrazione

Seguici su: