Pratica Sismabonus 110: come si compila?

Compilare e consegnare correttamente la pratica Sismabonus è fondamentale per accedere ai vantaggi fiscali del Superbonus quando si effettuano interventi di miglioramento sismico.

Guida alla redazione e consegna dell’Allegato B

Vediamo di seguito quali moduli e relazioni bisogna consegnare:

  • allegato B
  • relazione stato di fatto
  • relazione stato di progetto
  • computo metrico
  • allegato 1
  • allegato B1
  • allegato B2

Ma chi firma questi documenti, a chi vanno consegnati e quando?

Prendiamo come riferimento il DM 58/2017 che introduce la pratica Sismabonus. Il DM è stato successivamente aggiornato dal MIT.
La versione attuale a cui facciamo riferimento è il DM 329 del 6 Agosto 2020: il precedente Modulo B viene sostituito e si introducono nuovi allegati per l’applicazione della Legge 77/2020, legge di conversione del Decreto Rilancio.

Con l’aiuto di questa tabella vediamo l’evoluzione della pratica Sismabonus nel tempo.

Pratica Sismabonus nel tempo
Pratica Sismabonus nel tempo
Ascolta il podcast di questo approfondimento:
Ascolta “Pratica Sismabonus 110: come si compila?” su Spreaker. https://widget.spreaker.com/widgets.js

Leggi questo articolo per approfondire l’evoluzione negli anni della pratica Sismabonus.

Ecco una sintesi di quali documenti produrre, quale figura professionale li firma e dove vanno consegnati:

La consegna dei documenti per la Pratica Sismabonus
La consegna dei documenti per la Pratica Sismabonus

Il software TRAVILOG redige queste relazioni e compila in automatico i moduli previsti dagli Allegati normativi. 

L’Allegato B della pratica Sismabonus

Vediamo ora nel dettaglio come si prepara l’Asseverazione della pratica Sismabonus e, in particolare, quali sono i campi che il Modulo CLASSIFICAZIONE di TRAVILOG compila in automatico. 

Pratica Sismabonus, Allegato B – pagina 1

Nella prima pagina del Modulo B troviamo i seguenti dati: 

  1. codici ISTAT: sono compilati in automatico scegliendo il Comune di ubicazione dell’intervento, l’ultimo riferimento per questi dati è il 1° Gennaio 2021; 
    anno pratica Sismabonus: è l’anno di presentazione di questo modulo e della documentazione allegata alla SCIA o al PdC; 
    dati catastali: sono alcuni dei dati catastali dell’edificio.
  2. Indirizzo edificio: è la localizzazione amministrativa dell’edificio; 
    dati catastali: sono tutti i dati catastali dell’edificio, 
    localizzazione edificio: si intendono latitudine e longitudine dell’edificio. Ad esempio se le coordinate sono rilevate da Google Maps è necessario indicare che sono in formato WGS84.
  3. Progettista strutturale: sono i dati del progettista strutturale (o di altra figura incaricata) che firma il Modulo B e del tipo di incarico che svolge. Il riferimento è l’art. 3 del DM 58/2017.
  4. Asseverazione polizza assicurativa: è la dichiarazione del progettista (o del firmatario del Modulo B) di essere in possesso della polizza prevista dal comma 14 dell’art. 119 della Legge 77/2020.
Pratica Sismabonus, Allegato B – pagina 2
  1. Asseverazione prezzi: riguarda la congruità dei prezzi e delle spese sostenute in riferimento al comma 13-bis dell’art.119 della L. 77/2020. A questa asseverazione corrisponde la presentazione del computo di dettaglio come allegato alla SCIA o al PdC. I prezziari sono quelli regionali, della Camera di Commercio, i listini DEI o l’analisi prezzi; 
  2. Classe di Rischio Sismico Stato di Fatto: attesta la Classe iniziale dell’edificio. È la valutazione fatta con il Modulo CLASSIFICAZIONE che riporta in questa sezione la Classe, i parametri valutati ed il metodo utilizzato. Alla SCIA o al PdC si allegano la relazione che accompagna la valutazione iniziale e la pratica Sismabonus; avviene in tuti i casi tranne gli interventi di demolizione e ricostruzione. Questa relazione può essere redatta con l’App Sisma BONUS ed il Modulo CLASSIFICAZIONE di TRAVILOG (metodo semplificato) oppure con i Moduli MURATURE e CEMENTO ARMATO di TRAVILOG (metodo convenzionale). 
  3. Classe di Rischio Sismico Stato di Progetto: attesta la Classe finale dell’edificio, è la valutazione fatta con il Modulo CLASSIFICAZIONE che riporta in questa sezione la Classe, i parametri valutati ed il metodo utilizzato. La relazione che definisce gli interventi e la valutazione finale deve essere allegata alla SCIA o al PdC. Questa relazione può essere redatta con il Modulo RINFORZI di TRAVILOG ed il pacchetto TRAVILOG ELEMENTS (metodo semplificato) oppure con i Moduli MURATURE e CEMENTO ARMATO di TRAVILOG (metodo convenzionale). 
  4. Asseverazione salto di Classe: è la sintesi della valutazione che viene asseverata con il Modulo B della pratica Sismabonus. 
Il Modulo CLASSIFICAZIONE di TRAVILOG valuta la Classe di Rischio Sismico per la Pratica Sismabonus

Pratica Sismabonus, conclusioni

In conclusione: gli edifici situati in zona sismica 1, 2 e 3 possono accedere agli incentivi del Sismabonus 110. A questo scopo l’intervento di ristrutturazione deve garantire un miglioramento sismico. Per documentare e accedere al Superbonus il progettista, il direttore lavori e il collaudatore statico devono quindi redigere e consegnare correttamente tutti i documenti previsti dalla pratica Sismabonus .

Il software TRAVILOG compila in automatico gli Allegati 1, B1 e B2 previsti dalla pratica Sismabonus e permette pertanto un notevole risparmio di tempo. Le figure professionali incaricate appongono quindi il visto di conformità ai documenti in base comma 11 dell’art.119 della Legge 77/2020.

TRAVILOG produce le asseverazioni richieste per la pratica Sismabonus
Vuoi compilare una pratica Sismabonus con TRAVILOG?

Ingegnere civile dedicato al calcolo strutturale e svolgo l’attività di analista strutturale per lo sviluppo di codici di calcolo strutturali. Leggi il profilo completo

  • Post category:sismabonus

Rispondi