I nuovi rapporti annuali ENEA 2021

L’Italia ha avviato una vera transizione ecologica. Dati incoraggianti emergono infatti dai due nuovi rapporti annuali elaborati da ENEA. Sono il “Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica” ed il “Rapporto Annuale sulle Detrazioni Fiscali”, presentati a inizio Dicembre a Roma. Analizziamoli assieme.

Due nuovi rapporti annuali ENEA 2021: efficienza energetica e detrazioni fiscali

Pronti a inizio dicembre i nuovi report ENEA per il 2021. Sono il “10° Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica” ed il “12° Rapporto Annuale sulle Detrazioni Fiscali per Interventi di Risparmio Energetico e Utilizzo di Fonti di Energia Rinnovabili negli Edifici Esistenti“.

Presentati i rapporti annuali ENEA 2021: il "Rapporto Annuale sull'Efficienza Energetica" ed il "Rapporto Annuale sulle Detrazioni Fiscali"
Presentati i rapporti annuali ENEA 2021: il “Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica” ed il “Rapporto Annuale sulle Detrazioni Fiscali”

Dagli studi condotti dall’Agenzia, emerge che negli ultimi 15 anni gli investimenti effettuati per l’efficientamento energetico del parco edilizio nazionale ammontano a ben 53 miliardi di euro circa.

Per edifici efficienti affidati al software migliore.

Cifra di assoluta rilevanza, imputabile principalmente alla messa in atto dei meccanismi di detrazione fiscale. In primo luogo c’è il miglioramento del decoro urbano e dello stato di ripristino degli immobili. Inoltre è interessante notare che tali interventi hanno anche notevolmente abbassato i fabbisogni energetici del parco immobiliare italiano, grazie all’uso di fonti rinnovabili.

Ecobonus: cronaca di un successo annunciato

L’Ecobonus, misura incentivante attivata già dal lontano 2007, ha registrato 45 miliardi circa di investimenti a fine 2020. Questo ha consentito un risparmio energetico notevolissimo a livello nazionale. Si parla di circa 19.000 GWh/anno.
Solo lo scorso anno sono stati effettuati ben 486.000 interventi di riqualificazione energetica tramite l’Ecobonus, generando un risparmio energetico annuo di 1.362 GWh. In regime ordinario sono numeri da fantascienza. Eppure ci fanno capire l’utilità di queste misure per ridurre i fabbisogni energetici nazionali e per attuare una reale transizione ecologica verso immobili più efficienti e meno energivori. Gran parte degli interventi (2,2 mld di € circa) è confluita nell’efficientamento degli impianti termici e nella sostituzione degli infissi.

Superbonus: misura recente ma di assoluto rilievo

A circa un anno dalla sua realizzazione, il Superbonus registra circa 11,94 miliardi di euro di investimenti ammessi a detrazione ed 8,28 miliardi di euro per lavori già portati a termine.
Nel solo mese di Settembre 2021, ad esempio, si sono realizzati interventi sull’involucro edilizio per circa 1,8 miliardi di euro. Lavori che generano una riduzione dei consumi energetici stimata in circa 485 GWh/anno: un risultato di assoluto rilievo!
Sono notevolmente inferiori invece gli investimenti per l’efficientamento impiantistico. Si registrano infatti circa 650 milioni di euro, a fronte di un risparmio energetico comunque importante, che ammonta annualmente a circa 420 GWh.

Rapporti annuali ENEA 2021: le dichiarazioni del Ministro Cingolani e del Presidente Dialuce

Il Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha dichiarato:

Durante i primi dieci anni della transizione ecologica si tratta di effettuare una transizione energetica epocale. L’ENEA ha tutte le competenze tecniche per poter seguire questo processo e diventerà centrale per capire le diverse direzioni da prendere. Il piano che prevede il 55% di decarbonizzazione al 2030 è quello che si può fare a tecnologia vigente, ma sappiamo che non basta. Proprio per questo il ruolo dell’ENEA sarà centrale: parliamo di un’enorme opportunità perché ora il comparto energetico diventa il cuore di un grande cambiamento globale“.

Il Presidente dell’ENEA Gilberto Dialuce ha replicato:

Le incentivazioni hanno consentito di riqualificare una parte importante del parco abitativo, di ridurre i consumi e di rilanciare un settore in difficoltà come quello dell’edilizia. I prossimi dieci anni saranno decisivi per rispettare il limite di 1,5°C entro il 2030 e per centrare questo obiettivo servirà, ad esempio, almeno raddoppiare il tasso di riqualificazione energetica degli edifici, in linea con quanto evidenziato dalla Renovation Wave lanciata dalla Commissione Europea“, sottolineando anche che “la transizione energetica è una delle sfide più impegnative da affrontare e dobbiamo contribuire, anche con un mutamento dei comportamenti, ai grandi cambiamenti socio-economici che comporterà“.

Secondo i rapporti ENEA gli obiettivi UE sono quasi raggiunti

Sul fronte dell’energia risparmiata, stando alla Direttiva UE sull’Efficienza Energetica, l’obiettivo 2014-2020 di 297.300 GWh/anno è stato quasi raggiunto.
Arrivando a quota 270.300 GWh/anno, siamo quindi riusciti a conseguire il 91% del previsto: un risultato comunque importante. I maggiori contributi a quanto realizzato provengono dai certificati bianchi (97.600 GWh/anno) e dalle detrazioni fiscali (120.900 GWh/anno).

Il residenziale traina la filiera efficiente

Quanto al PAEE 2017 (Piano d’Azione per l’Efficienza Energetica), i risparmi del periodo 2011-2020 hanno fatto conseguire l’82% dell’obiettivo indicato. Cifre comunque migliori rispetto al 77% dell’anno precedente.
Al 2020 sono stati risparmiati 148.000 GWh/anno. Questo è merito soprattutto del settore residenziale, che risulta il traino della filiera efficiente, con una riduzione di 73.620 GWh/anno, pari al 172,5% dell’obiettivo PAEE!
In seconda posizione, ma notevolmente distaccato, troviamo il terziario con 9.537 GWh/anno (66,6%). Al terzo posto c’è l’industria con 38.260 GWh/anno (64,5%). Ultimi i trasporti con 26.630 GWh/anno (41,6%).

Per edifici efficienti affidati al software migliore.
Fabrizio Dellacha'
Fabrizio Dellachà

Ingegnere Edile/Architetto, laureatomi presso l’Università degli Studi di Pavia.
Svolgo l’attività di libero professionista, sono CTU presso il foro Alessandrino e mi dedico alle tematiche energetiche, all’impiantistica, alle fonti rinnovabili ed alla sostenibilità in edilizia.
Leggi il profilo completo