DGR 1261/2022 Emilia Romagna su requisiti minimi e rinnovabili

Novità in Regione Emilia Romagna per il SACE (Sistema Accreditamento Certificazione Energetica) con la DGR 1261/2022. La Giunta Regionale ha infatti adottato la nuova Delibera n. 1261 del 25 Luglio 2020 che introduce alcune modifiche all’Atto di Coordinamento Tecnico Regionale per la definizione dei Requisiti Minimi di Prestazione Energetica degli Edifici.

DGR 1261/2022 Emilia Romagna su requisiti minimi e rinnovabili
DGR 1261/2022 Emilia Romagna introduce novità su requisiti minimi e rinnovabili

SACE – DGR 1261/2022 in Emilia Romagna: il provvedimento è già in vigore

Di recente la Giunta Regionale dell’Emilia Romagna ha adottato la DGR del 25 Luglio 2020 recante il numero 1261/2022. Il titolo per esteso è «Approvazione delle modifiche all’ “Atto di Coordinamento Tecnico Regionale per la definizione dei Requisiti Minimi di Prestazione Energetica degli Edifici” di cui alla propria deliberazione n. 967/2015 e s.m.i.». La DGR. 1261/2022 è disponibile sul B.U.R. dell’Emilia-Romagna n. 231 del 28/07/2022, include anche il testo coordinato, consultabile assieme agli allegati qui.

Il provvedimento è già entrato in vigore dal 28 Luglio 2022 e si applica pertanto a tutti i titoli abilitativi ed agli interventi presentati a decorrere da tale data.

Progetta con la nuova DGR 1261/2022

Cosa dice la nuova DGR 1261/2022?

La Delibera recepisce tutte le novità circa i requisiti minimi di prestazione energetica, già introdotte dalla Direttiva Europea 2018/2001, poi recepita anche a livello nazionale dal nostro D.Lgs 199/2021 intitolato “Attuazione della Direttiva (UE) 2018/2001 del Parlamento Europeo e del Consiglio, dell’11 Dicembre 2018, sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili” e del Decreto Legge n. 17/2022.

Le novità introdotte in Emilia Romagna con la DGR 1261/2022

Le principali novità contenute nella D.G.R. riguardano quindi le percentuali minime di consumo di energia termica ed elettrica prodotta da rinnovabili. In sintesi:

  • gli edifici pubblici e privati di nuova costruzione
  • e quelli esistenti qualora siano sottoposti ad interventi di ristrutturazione rilevante (ai sensi del Decreto L.vo 3 Marzo 2011, n. 28).

Altre novità riguardano anche la possibilità di soddisfare parte della produzione di energia elettrica, da fonti rinnovabili, tramite l’adesione ad una Comunità Energetica Rinnovabile (C.E.R.).
Per chi si fosse perso il nostro articolo sulle Comunità Energetiche Rinnovabili, consiglio vivamente questa lettura. Inoltre per coloro che si occupano di nuovi progetti, riqualificazioni importanti e demolizione e ricostruzione, ricordiamo che il software TERMOLOG è già aggiornato alla DGR 1261/2022 per L’Emilia Romagna.

Per calcolare l’efficienza energetica degli edifici e accedere ai bonus specifici

Le Comunità Energetiche Rinnovabili anche sul portale dell’Emilia Romagna

Inoltre, è interessante denotare che proprio la Regione Emilia-Romagna abbia voluto intraprendere una scelta strategica molto interessante, dotandosi di una propria normativa sulle Comunità Energetiche, emanata con la Legge n. 5/2022 del 27 Maggio 2022.
Questa Legge Regionale individua le azioni di sistema, le misure di sostegno e promozione dell’autoconsumo collettivo delle Comunità Energetiche Rinnovabili. Dispone, di conseguenza, l’erogazione di contributi e strumenti finanziari specifici, che possano accompagnare le C.E.R. sin dalla loro costituzione e soprattutto durante le successive fasi di progettazione, acquisto e posa degli impianti produttivi e di accumulo.

Hanno inoltre grande rilevanza le azioni di comunicazione, informazione e partecipazione della cittadinanza ai dibattiti in tema di energia rinnovabile, autoconsumo e condivisione energetica. Infatti, per alfabetizzare i cittadini su queste nuove opportunità utili all’ambiente, ed al portafogli, sono state stanziate apposite risorse economiche previste dal bilancio.

La nuova norma promuove l’uso di rinnovabili

Logical Soft driver dell’innovazione sulle C.E.R.: il modulo Comunità Energetiche

Stante il nostro forte interesse verso lo sviluppo sostenibile, vogliamo adottare e diffondere un nuovo approccio green alla progettazione efficiente ed alle fonti rinnovabili. Vi abbiamo già proposto nel recente passato sia dei webinar, sia dei focus sulle Comunità Energetiche Rinnovabili, anche affrontando l’argomento in abbinamento ai bonus edilizi in vigore, per trarne i massimi vantaggi economici possibili.
TERMOLOG presenta infatti un modulo espressamente dedicato alle C.E.R. che consente proprio di progettare l’impianto FV e gli eventuali accumuli in funzione dei consumi reali. Effettua, infatti, un’analisi economica, a partire dalle bollette ed in funzione dei carichi elettrici dell’edificio. Inoltre permette di sfruttare tutti gli incentivi fiscali disponibili.

Per progettare le comunità energetiche rinnovabili
Fabrizio Dellacha'
Fabrizio Dellachà

Ingegnere Edile/Architetto, laureatomi presso l’Università degli Studi di Pavia.
Svolgo l’attività di libero professionista, sono CTU presso il foro Alessandrino e mi dedico alle tematiche energetiche, all’impiantistica, alle fonti rinnovabili ed alla sostenibilità in edilizia.
Leggi il profilo completo