Superbonus e comunità energetiche: si può fare?

Come si combina il fotovoltaico in Superbonus con l’incentivo per le comunità energetiche dei condomini? Esaminiamo il caso di un condominio a Ferrara, che ha avviato i lavori in Superbonus per un totale di 26 mila Euro di impianto fotovoltaico e desidera costituire l’autoconsumo collettivo rinnovabile.

Superbonus e comunità energetiche: vediamo come abbinare i vantaggi di queste due interessanti misure quando si riqualifica un condominio.
Riduci i consumi! Progetta la comunità energetica e il fotovoltaico

Cosa sono le Comunità energetiche condominiali?

La definizione di Comunità energetica condominiale è Gruppo di autoconsumatori di energia rinnovabile. Alla base di tutto abbiamo un condominio, un edificio di almeno due unità immobiliari possedute da due soggetti diversi, e un impianto fotovoltaico.

Per costituire un gruppo di autoconsumatori di energia bisogna realizzare un modello virtuale di autoconsumo, basato sulla condivisione dell’energia. Ogni ora si calcola l’Energia condivisa, il minimo tra l’energia prelevata e l’energia immessa in rete da coloro che partecipano alla collettività.

Il GSE valorizza questa condivisione di energia e riconosce per 20 anni un contributo economico basato su tre componenti principali:

  • le perdite di rete evitate
  • il ritiro dedicato dell’energia
  • la tariffa premio per MWh di Energia Condivisa.

Puoi approfondire le comunità energetiche al seguente articolo: Comunità Energetiche

Condominio Superbonus e comunità energetica

Nel condominio a Ferrara sono già partiti i lavori in Superbonus e tra gli interventi trainati è previsto un impianto fotovoltaico da 20 kW, il massimo detraibile al 110%. Il progettista ha posto al nostro CONSULENTE 110 due quesiti:

  1. è possibile proporre ai condomini di costituire una comunità energetica?
  2. si può sovrapporre l’incentivo previsto per il Superbonus con la remunerazione dell’energia condivisa da GSE?

Queste domande sono molto frequenti all’interno dei numerosi webinar gratuiti dedicati alle comunità energetiche e all’autoconsumo fotovoltaico. Ed ecco quindi la mia risposta in meno di 30 secondi.

Il condominio che accede al Superbonus di fatto rinuncerà alla tariffa premio di 100 €/MWh di energia condivisa prevista da GSE. Ma cosa significa questo in termini di tempo di ritorno e incentivi?

Fotovoltaico per Superbonus e comunità energetiche: fattibilità in numeri

Il costo che il condominio deve sostenere per l’impianto fotovoltaico è di 26 mila Euro. Dallo studio di fattibilità eseguito con TERMOLOG otteniamo:

  • un’energia condivisa annualmente di 8961 kWh
  • una tariffa premio annuale di 896,14 €
  • la valorizzazione dell’energia con ritiro dedicato di 2292,71 €

Senza accedere al Superbonus otteniamo una spesa di 3188 €/anno per 20 anni, da redistribuire tra i condomini.

Abbiamo detto che, se decidiamo di far partecipare il Condominio alla detrazione Superbonus per la parte di fotovoltaico, perdiamo 896,14 €, la tariffa premio. Avremo a disposizione però, altri 6512 € all’anno per 5 anni: la detrazione fiscale dovuta al Superbonus.

In quanti anni i condomini vedono ripagato il loro investimento? Per scoprirlo facciamo una proiezione economica calcolando i flussi di cassa e il VAN con la norma UNI 15459:

  • Investimento iniziale: 26 mila Euro
  • Detrazione fiscale da superbonus: 6512 Euro per 5 anni
  • Valorizzazione dell’energia condivisa per comunità energetica condominiale: 2292,71 Euro per 20 anni

Con questi dati e con un tasso di interesse reale di circa il 3% otteniamo un tempo di ritorno pari a 2,8 anni.

TERMOLOG - Analisi economica per le comunità energetiche secondo la norma UNI 15459. Si nota il tempo di ritorno a 2,8 anni e l'arresto del valore detratto per Superbonus dopo il quinto anno.
TERMOLOG – Analisi economica per le comunità energetiche secondo la norma UNI 15459. Si nota il tempo di ritorno a 2,8 anni e l’arresto del valore detratto per Superbonus dopo il quinto anno.

Conclusioni

In un periodo come questo, dove i prezzi dell’energia sono molto alti, dobbiamo trovare per i nostri committenti la combinazione giusta tra tutti gli incentivi disponibili. Il condominio in questione, che sta affrontando il Superbonus a Ferrara, trarrà un enorme vantaggio nell’unire la detrazione 110 ai benefici delle comunità energetiche condominiali.

Se guardiamo anche al tempo di pay back calcolato, ci rendiamo conto che è raro trovare investimenti con tempi di ritorno così bassi. L’innalzamento del prezzo dell’energia è certamente un motivo: quando cresce il prezzo della materia prima, di contro il tempo di ritorno dell’investimento si riduce.

Le opportunità offerte oggi dagli incentivi fiscali e dai nuovi modelli virtuali di autoconsumo collettivo sono evidenti ed è necessario saperle sempre cogliere al meglio.

Quali sono i migliori incentivi fiscali per ristrutturare il tuo condominio?

annachiara_castagna 150x150
Annachiara Castagna

Ingegnere Edile, esperta in analisi energetica degli edifici e product manager del software TERMOLOG di Logical Soft.
Leggi il profilo completo