Milleproroghe 2022: il Decreto è Legge

Il Decreto Milleproroghe 2022 è stato recentemente convertito in Legge. Un testo eterogeneo che introduce svariate novità, anche inerenti ambiti e settori diversissimi. Qui analizziamo in particolare le misure che riguardano la disciplina dei bonus per l’edilizia e la cessione dei relativi crediti d’imposta.

Decreto Milleproroghe 2022

Decreto Milleproroghe 2022: molte modifiche dalla prima stesura

Entra in vigore oggi, 1 Marzo, il Decreto Milleproroghe 2022, dopo aver subito svariate modifiche rispetto alla prima stesura approvata in Consiglio dei Ministri.

Cessione del Credito? Per ogni Bonus serve un’asseverazione


Durante la sua conversione in Legge (L. 25 Febbraio 2022, n. 15), il D.L. n. 228/2021 è stato infatti oggetto di integrazioni e variazioni nei passaggi, prima in Parlamento e poi in Senato. L’iter di conversione si è concluso lo scorso 24/02/2022 e vede la comparsa di tanti nuovi articoli e commi. Con la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (supplemento ordinario n.8 alla G.U. n.49 del 28/02/2022) è stato pubblicato anche il testo coordinato del Decreto-Legge 30 Dicembre 2021, n. 228.

Decreto Milleproroghe 2022: i punti salienti della misura

Proponiamo un elenco, esteso ma non esaustivo, delle principali condizioni sancite dal Decreto Milleproroghe 2022:

  1. Nuovi concorsi pubblici del 2022 e proroga delle graduatorie vigenti.
  2. Concorsi, immissioni in ruolo e proroghe per la Scuola.
  3. Nuove prove dei concorsi pubblici (proroga dei concorsi semplificati tramite strumenti informatici).
  4. Proroga per i processi giudiziari.
  5. Novità per il fondo “nuove competenze”.
  6. Nuova Cassa Integrazione per Grandi stabilimenti (CIG) per le imprese strategiche ed aiuti per le aziende.
  7. Proroga del “bonus prima casa”.
  8. Bonus psicologo per combattere il disagio post-pandemia.
  9. Proroga del “bonus chef”, riservato ai cuochi professionisti presso alberghi e ristoranti.
  10. Proroga del “bonus terme”.
  11. Voucher riservati agli autisti under 35 di mezzi pesanti (detto anche “bonus patenti” o anche “bonus autisti). Modifiche anche per le revisioni e proroga delle patenti extra-UE.
  12. Proroga per le rate delle cartelle esattoriali.
  13. Aiuti all’editoria e nuove regole per le agenzie di stampa.
  14. Aiuti ai Comuni (Fondo di Solidarietà Comunale, differimento termini degli atti finanziari, sostegni per Comuni in dissesto e pre-dissesto).
  15. I criteri e le procedure del Fondo di Garanzia PMI 2022 sono state semplificate.
  16. Novità varie per la Sanità (conferimento incarichi a personale pensionato, assunzione di neolaureati e specializzandi, assunzione di medici ed infermieri da parte di INAIL).
  17. Ridotto il tirocinio Avvocati e novità sull’albo dei Cassazionisti.
  18. Proroga di 6 mesi per il “bonus investimenti” (anche detto “bonus materiali 4.0”).
  19. Il tetto massimo per i pagamenti in contanti ritorna a 2.000 €.
  20. Proroga di 3 mesi per l’affidamento lavoro di messa in sicurezza di edifici e territorio per i Comuni assegnatari delle risorse.
  21. I fondi ex ILVA sequestrati alla famiglia Riva non potenzieranno l’impianto ma saranno utilizzabili solo per le bonifiche dei territori limitrofi.
  22. Prorogato il fondo per la “transizione energetica del settore industriale” con incentivi erogati anche per il biogas, monopattini elettrici e aziende che hanno richiesto fondi per la transizione dei processi in chiave sostenibile.
  23. Prorogato il bonus destinato alle imprese radiofoniche che abbiano svolto attività di informazione generale, ed abbiano digitalizzato e conservato archivi multimediali.
  24. Per far fronte all’influenza aviaria e alla peste suina sono stati prorogati i termini per i versamenti fiscali per le aziende avicole e suinicole.
  25. Slitta al Luglio 2025 lo stop all’uso della sperimentazione sugli animali che continua ad essere ammessa, assieme agli xenotrapianti.
  26. Varate risorse straordinarie per sostenere, per il prossimo triennio, i lavoratori licenziati da Air Italy.
  27. Slitta l’entrata in vigore degli aumenti previsti per le sigarette elettroniche (5% delle accise), rinviati al 2023.
  28. Differimento  al 31 dicembre 2022 del termine per la verifica di vulnerabilità sismica sia degli edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali rilevanti.
  29. Impianti sportivi: il Commissario nominato per le finali di coppa del mondo ed i campionati di sci alpino rimarrà in carica fino al 30 Aprile 2022.
  30. Proroga delle procedure semplificate per l’edilizia scolastica al 31 Marzo 2022.
  31. Occupazione suolo pubblico, proroga al 30 Giugno per i locali che vogliono presentare la domanda semplificata, con esenzione autorizzazione e imposta di bollo per le strutture amovibili in spazi aperti.
  32. Mantenute le misure di flessibilità già previste lo scorso anno (in considerazione della crisi pandemica, viene dato più tempo alle imprese per appianare le perdite) per le aziende con perdite d’esercizio 2021 che superano un terzo del capitale.
  33. Proroga di 5 mesi per versare il saldo IRAP 2019 e l’acconto IRAP 2020 (entro il 30 Giugno 2022).
  34. Addizionali IRPEF. L’aggiornamento delle aliquote comunali in base ai nuovi scaglioni slitta dal 31 Marzo al 31 Maggio.
  35. Il termine per l’approvazione delle tariffe TARI slitta al 30 Aprile di ciascun anno e, per il solo 2022, al 31 Maggio.
  36. L’adeguamento alla normativa antincendio di edifici, locali e strutture delle Università e delle istituzioni dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica deve essere completato entro il 31 Dicembre 2024. Quella per gli immobili del Ministero della Cultura, slitta al 31 Dicembre 2023.
  37. Bonus edilizi: detraibili anche le spese per i visti di conformità e le asseverazioni di congruità di fine 2021.

Le misure di maggior interesse per l’edilizia nel Milleproroghe 2022 e nel DL Correttivo Antifrodi

Oltre al Milleproroghe2022 vediamo anche le novità presenti nel Decreto Correttivo Antifrodi DL 13/2022 uscito in GU lo stesso giorno. È innegabile siano moltissime. Ma concentriamoci sui provvedimenti che interessano maggiormente noi professionisti dell’edilizia – anche alla luce delle commesse acquisite grazie ai bonus fiscali.

Cessione del credito e codice identificativo univoco

In primo luogo analizziamo le modifiche al D.L. Sostegni-ter (D.L. 27 Gennaio 2022, n. 4) in materia di cessione del credito.
Finalmente la cessione del credito derivante dai bonus edilizi può essere oggetto di 2 ulteriori trasferimenti. I trasferimenti sono da effettuare a favore di banche ed intermediari finanziari iscritti all’albo previsto dall’Art. 106 del Testo Unico delle Leggi in materia Bancaria e Creditizia. Per ragioni di tracciabilità, si attribuisce al credito un codice identificativo univoco da indicare nelle comunicazioni delle eventuali successive cessioni. Inoltre il credito sarà cedibile solo per intero.

Le sanzioni in caso di frodi

In secondo luogo analizziamo le nuove sanzioni irrogate ai liberi professionisti contro le frodi in materia di erogazioni di denaro pubblico e la modifica dell’Art. 119 del D.L. Rilancio n. 34. Delle sanzioni nel parla il Decreto
Il tecnico abilitato che, nelle asseverazioni di cui al C. 13 ed all’Art. 121, C. 1-ter, Lettera b), espone informazioni false o omette di riferire informazioni rilevanti sui requisiti tecnici del progetto di intervento o sulla effettiva realizzazione dello stesso, ovvero attesta falsamente la congruità delle spese, è punito con la reclusione da 2 a 5 anni e con la multa da 50.000 a 100.000 €. Se il fatto è commesso al fine di conseguire un ingiusto profitto per sé o per altri la pena è ulteriormente inasprita.

Polizza assicurativa e CCNL

Si introducono inoltre modifiche al massimale della polizza assicurativa del tecnico abilitato.
Per ogni intervento di attestazione o asseverazione, il massimale dovrà essere pari agli importi dell’intervento oggetto delle predette attestazioni/ asseverazioni.

Osserviamo inoltre l’introduzione del nuovo Comma 43-bis, Art. 1 della Legge di Bilancio 2022 (L. 30 Dicembre 2021, n. 234). Si tratta dell’obbligo di applicazione dei CCNL (Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro) nei cantieri temporanei e mobili dove si svolgono lavori che fruiscono dei bonus fiscali edilizi.

Visto di conformità e asseverazione di congruità delle Spese nel Milleproroghe 2022

Nel Milleproroghe 2022 si esplicita infine che i bonus edilizi diversi dal Superbonus sono esentati dall’obbligo di Visto di Conformità ed Asseverazione di Congruità Spese per i costi sostenuti dal 12 Novembre al 31 Dicembre 2021, per gli interventi di edilizia libera o di importo totale non superiore a 10.000 €.

Sono invece detraibili le spese per l’acquisizione del Visto di Conformità e dell’Asseverazione Spese, anche se sostenute nel 2021.

Infine per chiarezza le misure del Milleproroghe 2022 sono già Legge. Invece il Decreto Correttivo Antifrode è sì in vigore ma per la sua conversione in legge bisogna attendere 60 giorni dalla pubblicazione in GU.

Parcelle e asseverazioni per i bonus si fanno con COMPENSI FULL

Fabrizio Dellacha'
Fabrizio Dellachà

Ingegnere Edile/Architetto, laureatomi presso l’Università degli Studi di Pavia.
Svolgo l’attività di libero professionista, sono CTU presso il foro Alessandrino e mi dedico alle tematiche energetiche, all’impiantistica, alle fonti rinnovabili ed alla sostenibilità in edilizia.
Leggi il profilo completo