Ecobonus 110 condominio ALER: un esempio

Come ristrutturare con il Super Ecobonus 110 un condominio ALER? Realizzare un accurato studio di fattibilità è fondamentale per individuare i giusti interventi. Vediamo passo passo come affrontarlo attraverso un esempio realizzato da uno studio di progettazione di Milano per conto di ALER Lodi – Pavia. Lo studio di fattibilità ha come obiettivo il confronto realistico degli scenari migliorativi e individua la soluzione migliore per ottenere il Superbonus 110%.

Il sopralluogo al condominio ALER Lodi-Pavia da riqualificare con ECOBONUS 110
Il sopralluogo al condominio ALER Lodi-Pavia da riqualificare con ECOBONUS 110
 ALER Lodi-Pavia ha programmato interventi di riqualificazione energetica con ECOBONUS 110 su condomini edificati intorno al 1960
ALER Lodi-Pavia ha programmato interventi di riqualificazione energetica con ECOBONUS 110 su condomini edificati intorno al 1960

Il caso studio che esaminiamo di seguito è realizzato dalla società Sacee srl su incarico dell’Azienda Lombarda Edilizia Residenziale di Pavia-Lodi. L’intervento riguarda la riqualificazione energetica su una serie di condomini di edilizia popolare distribuiti sul territorio della provincia di Lodi- Pavia.

Per l’Ecobonus 110 di condomini e villette scegli il software più completo


La committenza ha infatti visto nella nuova opportunità del Superbonus 110% un’occasione unica per poter riqualificare molti edifici. Ha pertanto affidato alla società Sacee Srl l’incarico di condurre uno studio di fattibilità. Lo studio ha come fine individuare gli interventi necessari per garantire l’accesso al Superbonus 110%.

Ecobonus 110 Condominio ALER: lo stato di fatto

Il condominio che prendiamo in esame è sito in Via Zanella 3/5. Si tratta di una zona di carattere prettamente residenziale in un quartiere satellite della periferia pavese.

L’edificio, nato intorno al 1960, è composto da:

  • 4 livelli fuori-terra dedicati alla funzione abitativa
  • un livello dedicato interamente a servizi
  • infine un sottotetto non riscaldato inaccessibile.

Si accede al condominio dal cortile di pertinenza. Da qui si raggiungono gli ampi atri di ingresso e posizionati al piano terra, corredati dalla presenza delle cantine e delle connessioni verticali.

I consumi gas metano

Innanzi tutto si è voluto disegnare un quadro chiaro e quanto più completo possibile dello stato di fatto. A questo scopo si analizzano in via preliminare i consumi di gas metano di 3 anni completi e successivamente si confrontano con i Gradi Giorno reali.

Si tratta di una operazione necessaria per validare il modello termofisico. Il modello viene poi realizzato confrontando i consumi ottenuti da simulazione e i consumi reali.

Per lo studio preliminare ai fini del Superbonus del condominio ALER si analizzano i consumi di gas metano di 3 anni completi
Per lo studio preliminare ai fini del Superbonus del condominio ALER si analizzano i consumi di gas metano di 3 anni completi

Il sistema involucro impianto

In parallelo all’analisi dei consumi di gas metano si effettua il sopralluogo. Lo scopo è comprendere quali sono le maggiori problematiche allo stato attuale.

Il sopralluogo del condominio ALER ha riguardato anche l'impianto
Il sopralluogo del condominio ALER ha riguardato anche l’impianto

Il rilievo ha riguardato sia la compagine architettonica, sia la componente impiantistica. Analizziamo in primo luogo l’impianto che è così costituito:

  • la centrale termica, con particolare attenzione ai generatori;
  • il sistema di climatizzazione invernale attualmente centralizzato.

L’impianto presente è formato da due caldaie a gas metano marca ICI CALDAIE, MODELLO RED 300 a servizio dell’edificio. In entrambi i casi la potenza nominale è pari a 349kW. Invece la produzione di ACS è demandata a caldaie dedicate, che sono totalmente autonome ed installate in corrispondenza delle cucine degli appartamenti.
In ultimo, nell’edificio non è presente climatizzazione estiva. Fanno eccezione alcune unità abitative dove gli inquilini hanno installato dei sistemi autonomi.

Analizziamo ora l’involucro. Le pareti perimetrali sono caratterizzate da muratura in mattoni forati con una piccola intercapedine centrale e sono rifinite ad intonaco. Ricostruire la stratigrafia originaria non è stato semplice. Ci si è avvalsi sia dei documenti forniti dalla committenza sia, per colmare le lacune, delle verifiche effettuate durante il sopralluogo.

Infine, i serramenti installati consistono in sistemi molto datati e spesso caratterizzati da scarsa (talvolta quasi nulla) tenuta all’aria.

Si segnala tuttavia che alcuni appartamenti presentano serramenti sostituiti. Si tratta comunque di eccezioni. La quasi totalità degli elementi è caratterizzata da sistemi realizzati con telaio ligneo associato a vetro singolo, il tutto completato da avvolgibili esterni con cassonetti in legno non coibentato.

Modellazione termofisica mediante l’uso di TERMOLOG

Terminata la fase di acquisizione dati rispetto a involucro, impianto e utilizzo di tutti i locali, si realizza il modello termofisico. Per la creazione del modello i progettisti di Sacee hanno utilizzato il software TERMOLOG.

Per riqualificare con ECOBONUS 110 i condomini ALER Lodi-Pavia è necessario un accurato  modello termofisico, realizzato con TERMOLOG
Per riqualificare con ECOBONUS 110 i condomini ALER Lodi-Pavia è necessario un accurato modello termofisico, realizzato con TERMOLOG

Il modello contiene tutte le informazioni di carattere dimensionale, energetico e qualitativo di ogni singolo elemento caratterizzante il condominio ALER.

11_3d
Il Condominio ALER è costituito da 64 unità distribuite in 8 blocchi: modello con TERMOLOG

Nel modello sono riprodotti sia i locali riscaldati che non riscaldati. Non sono invece rappresentati gli spazi esterni che, al fine del calcolo del fabbisogno, non hanno alcun tipo di rilevanza.

Si precisa che i locali freddi all’interno dell’edificio corrispondono prevalentemente a tre macro categorie:

  • vani scale
  • piano terra in cui sono presenti tutti i locali tecnici, i depositi e gli spazi di servizio
  • sottotetto.

I restanti locali, essendo appartamenti abitati, sono interamente riscaldati fatta eccezione per i piccoli e puntuali locali di disimpegno.

Nello specifico il nostro condominio ALER che vuole accedere all’Ecobonus 110 presenta 64 unità differenti distribuite negli 8 blocchi adiacenti. Le unità comunicano attraverso i rispettivi vani scala. Inoltre 9 di esse sono dotate di climatizzazione estiva autonoma.

Una volta completata la modellazione dell’oggetto sono stati inseriti i dati rispetto agli impianti attualmente installati, i sistemi di emissione e la regolazione. Questi dati hanno reso possibile il calcolo dei consumi dell’edificio.
Si confronta quindi la quantità di gas metano ottenuta da TERMOLOG con i consumi reali estrapolati direttamente dalle fatture energetiche. L’obiettivo è garantire che il modello realizzato, e successivamente utilizzato per le simulazioni di intervento, presenti uno stato di fatto coerente rispetto alla situazione reale.

Ecobonus 110 condominio ALER: i possibili interventi migliorativi

Veniamo ora all’analisi dei deficit dell’edificio rispetto al sistema involucro-impianto. Individuare tali deficit è fondamentale per selezionare gli interventi di riqualificazione realizzabili. Solo così si potrà applicare correttamente l’Ecobonus 110 al condominio ALER del nostro caso studio.

Sintesi degli interventi migliorativi sul condominio valutati
Sintesi degli interventi migliorativi sul condominio valutati

Gli interventi scelti, infatti, devono essere migliorativi in termini energetici. Non solo: occorre anche valutare accuratamente priorità e difficoltà di realizzazione.
Gli interventi individuati sono stati successivamente combinati tra loro e simulati attraverso il modello energetico realizzato. L’impiego di TERMOLOG è stato determinante per capire quale proposta scegliere per ottenere i migliori risultati in termini di costi-benefici. Il software infatti suggerisce quali interventi trainanti e trainati applicare per raggiungere il bonus più vantaggioso.

Tra i requisiti dell'Ecobonus 110 per un condominio vi è il salto di almeno 2 classi energetiche. L'intervento scelto centra questo obiettivo.
Tra i requisiti dell’Ecobonus 110 per un condominio vi è il salto di almeno 2 classi energetiche. L’intervento scelto centra questo obiettivo.

Una volta stabilite le combinazioni verosimili, si simulano singolarmente e si valutano i vantaggi in termini energetici attraverso il salto di classe.

Sulla base dei risultati ottenuti con la simulazione, si selezionano gli interventi più vantaggiosi e di semplice realizzazione per calcolare l’investimento e il relativo incentivo.

Ecobonus 110 condominio ALER: la scelta dell’intervento

Arriviamo ora alla scelta dell’intervento da proporre alla committenza. Quali sono le soluzioni da attuare per riqualificare con l’Ecobonus 110 il complesso ALER di Via Zanella 3/5?

Ebbene, nel nostro caso studio la soluzione energeticamente migliore in termini di performance consiste nell’intervento IM.8, che comprende:

  • Coibentazione pareti verticali disperdenti
  • Coibentazione pareti del vano scala verso esterno
  • Coibentazione sottotetto
  • Coibentazione primo solaio pavimento disperdente verso portico esterno
  • Riqualificazione del tetto
  • Sostituzione integrale dei serramenti esistenti

Vediamo di seguito alcune considerazioni sul progetto dell’involucro.

La simulazione riguarda un cappotto termico realizzato con uno strato di EPS con conducibilità inferiore a 0,033 W/m2K per uno spessore totale di 140mm.
Tale operazione permetterebbe di ottenere una trasmittanza totale dell’elemento opaco verticale pari a 0,196 W/m2K a fronte di un valore di partenza corrispondente a 0,647 W/m2K.

Per quanto riguarda i serramenti si propone la sostituzione di quelli esistenti con sistemi a vetrocamera e telaio in PVC con una trasmittanza termica minima pari a 1,300 W/m2K. In questo modo si può garantire un’ottimale performance energetica.
La proposta progettuale comprende inoltre la sostituzione dei cassonetti installati e relativi avvolgibili con sistemi coibentati.

ECOBONUS 110 condominio ALER: simulazione dei costi della coibentazione degli elementi opachi
ECOBONUS 110 condominio ALER: simulazione dei costi della coibentazione degli elementi opachi

Individuata quindi l’opzione migliore, si simulano infine in dettaglio i costi delle opere selezionate e il rispettivo incentivo qualora essi vengano realizzati sfruttando il Superbonus 110%.

Per l’Ecobonus 110 di condomini e villette scegli il software più completo
Dott.ssa Cristina Ancona
Cristina Ancona

Head of Marketing and Communications.
Laureata in Lingue e Letterature Straniere e specializzata in Marketing alla SDA Bocconi.
Promuovo i software e i servizi Logical Soft dedicati ai professionisti dell’edilizia. Appassionata di sostenibilità, efficienza energetica e tecnologie di progettazione, curo il Focus dell’Edilizia, ricco di notizie, articoli tecnici e strumenti formativi per i professionisti del settore.

Ing. Katia Ciapponi
Katia Ciapponi

Ingegnere Chimico laureata presso Politecnico di Milano. Ho svolto per anni l’attività di libero professionista e docente in corsi per professionisti. Sono Certificatore Energetico in diverse regioni, Tecnico Competente in Acustica Ambientale e CTU presso il Tribunale di Lodi
Sono Responsabile Tecnico del Dipartimento di Energia e Acustica di Sacee Srl.
Sacee è E.S.Co certificata UNI 11352 e Società di Ingegneria. Fornisce in maniera integrata servizi di consulenza, Energy Management e progettazione in BIM (Building Information Modeling).

Arch. Erika Baglio
Erika Baglio

Laureata con lode in Architettura presso il Politecnico di Milano, nel corso degli anni mi sono specializzata nella valutazione del patrimonio costruito.
Attualmente sono collaboratrice presso il Dipartimento di Energia e Acustica di Sacee Srl.
Sacee è E.S.Co certificata UNI 11352 e Società di Ingegneria. Fornisce in maniera integrata servizi di consulenza, Energy Management e progettazione in BIM (Building Information Modeling).