Compenso APE e L10 per Superbonus

Come si calcola il compenso per APE convenzionale pre e post nella pratica Superbonus? E se faccio anche la ex L10? Scopriamolo insieme con una risposta di CONSULENTE 110.

Claudia si occupa della progettazione termotecnica in un intervento soggetto a SuperEcobonus. Naturalmente non vuole sbagliare il calcolo del compenso professionale da riportare nei massimali di spesa.

Vediamo dunque qual è la sua domanda al servizio CONSULENTE 110.

“Sono alle prese con il calcolo del Compenso APE Superbonus. Nello specifico, la redazione dell’APE convenzionale iniziale e finale e la redazione della ex Legge 10 possono riferirsi ad un’unica percentuale sul costo degli interventi? Mi fa un esempio?”

Il nostro servizio CONSULENTE 110 risponde così.

Hai dubbi sulle pratiche del tuo intervento con i bonus fiscali? Non rischiare!

Innanzi tutto, ai fini del calcolo del compenso per Superbonus si fa riferimento al DM 17 Giugno 2016.
Non si utilizza quindi un calcolo forfettario in percentuale sul valore degli interventi. Si fa invece riferimento a 4 parametri per il calcolo: V, P, G e Q dove:

  • V è il valore dell’esistente o dell’intervento,
  • P è il parametro base che dipende da V,
  • G è il coefficiente per il grado di complessità,
  • Q sono ‘le percentuali’ riferite alla prestazione che si applicano.

Q in effetti è una percentuale che varia in funzione delle prestazioni svolte, ma va moltiplicato con gli altri fattori. Il valore di Q per gli APE convenzionali ad esempio è pari al 3%. Vediamo qui di seguito come considerarlo correttamente nel calcolo del compenso.
Inoltre è fondamentale fare esplicito riferimento al DM 17 Giugno 2016 citato qui sopra: è proprio quanto previsto dalla Legge Rilancio.

Un esempio di compenso Superbonus

Consideriamo ad esempio gli interventi di efficientamento energetico per una villetta. I passaggi iniziali sono tre:

  1. Determiniamo il valore dell’edificio esistente
  2. Individuiamo il valore dell’intervento
  3. Definiamo il grado di complessità

Nelle seguenti schermate del software COMPENSI 110 vengono mostrati i valori per i parametri V, P e G.

COMPENSI110-APE-L10-villetta-Valore-Esistente
La scelta del valore esistente in COMPENSI 110
COMPENSI110-APE-L10-villetta-Valore-Intervento
I valori di intervento
COMPENSI110-APE-L10-villetta-Grado_complessità
La scelta del grado di complessità

Fatti questi primi passaggi possiamo ora applicare le percentuali per le singole prestazioni professionali.

COMPENSI110-APE-L10-villetta
Le prestazioni professionali in COMPENSI 110

Compenso per APE convenzionale

Innanzi tutto ricordiamo che l’APE convenzionale consta in realtà di due APE: quello PRE e quello POST intervento. Affrontiamo in primo luogo il calcolo dell’APE PRE e consideriamo un parametro Q specifico: Qdl.05 secondo il DM 17 Giugno 2016 per un valore pari al 3%. Occhio però alla scelta dei parametri! Il valore da considerare nella formula:

cp = V x P x G x Q

è quello dell’edificio esistente.
Soprattutto è necessario ricordarsi che il calcolo va distinto per le categorie di intervento:

  • Edilizia,
  • Impianti meccanici a fluido,
  • Impianti elettrici e speciali,
  • Strutture (quest’ultima categoria che non rientra nel nostro caso).

Nel nostro esempio, il compenso per APE convenzionale PRE intervento è pari a:

cp = [(128.250 x 0,121 x 0,95 x 0,03)+(29.250 x 0,194 x 0,85 x 0,03)] euro = 586,97 euro

Veniamo ora al calcolo dell’APE convenzionale POST intervento. Nella formula qui sopra V sarebbe il Valore dell’esistente + il Valore dell’intervento. Il parametro Q da utilizzare è sempre Qdl.05 secondo il DM 17 Giugno 2016.
ATTENZIONE: se si redigono sia APE convenzionale PRE che APE convenzionale POST intervento nella parcella dell’APE POST il coefficiente Q va preso al 50%.

Compenso per ex L10

Veniamo infine alla parcella per la redazione della Relazione ex L10. In questo caso il compenso dipende molto dall’attività e dall’importanza dell’impianto.

Il riferimento specifico al parametro Q per il calcolo del compenso è QbII.21 con un valore pari al 3%.

Ci sono poi alcune voci dedicate al calcolo del compenso per la progettazione generale dell’intervento di riqualificazione che possono essere correlate all’attività di progettazione termotecnica. Si pensi al caso tipico di intervento di riqualificazione dell’impianto con conseguente riqualificazione degli spazi interni dell’immobile.

COMPENSI110-L10-villetta
Prestazioni professionali per relazione ex L10

In questo caso si può fare riferimento anche alle voci Qbll.01 e Qblll.01, nell’immagine qui sopra le voci evidenziate in arancione. In alternativa, possiamo prendere una frazione di queste prestazioni che riguardano più in generale la progettazione, rispettivamente nelle fasi preliminare e definitiva.

Al compenso totale per le due prestazioni definite finora è possibile aggiungere:

  • le spese con un forfait al 25% così come previsto dall’art. 5 del DM 17 Giugno 2016,
  • la percentuale di Cassa del Collegio o dell’Ordine professionale,
  • l’IVA in base al regime fiscale.

Il compenso totale è pari a 1.990,44 euro.

COMPENSI110-villetta-APE-L10
Parcella APE pre post e relazione ex L10 con COMPENSI 110
Parcella Superbonus equa e detraibile?
simone_tirinato 150x150
Simone Tirinato

Ingegnere civile dedicato al calcolo strutturale, svolge l’attività di analista strutturale per lo sviluppo di codici di calcolo strutturali.
Leggi il profilo completo

  • Categoria dell'articolo:ecobonus